Navigation – Plan du site

Il ruolo del Mediterraneo nello sviluppo locale : appunti verso uno sviluppo equilibrante

Fabio Naselli
p. 316-327

Résumés

L’auteur s’interroge, dans une perspective sociologique, sur l’avenir du modèle culturel méditerranéen à l’heure de la mondialisation.

Haut de page

Texte intégral

Perché il “modello” Mediterraneo?

1Che lo sviluppo locale debba divenire l’occasione per uno sviluppo equilibrato, di fronte ad una crescita globale tendenzialmente disequilibrante, è un’idea sempre più condivisa da una sempre maggiore parte di osservatori e studiosi.

2Un modello di sviluppo, questo, che deve fondarsi sulla valorizzazione delle risorse reali e delle identità locali, basandosi su una condizione interna di equilibrio di lungo periodo (sostenibilità) tra insediamenti umani e ambiente, tra territorio naturale e territorio antropizzato.

3Un simile modello, presuppone una salvaguardia e una valorizzazione adeguata delle “società locali”; dei cicli limitati della loro produzione; delle differenze e delle specificità culturali; di modalità dell’abitare fondate su principi di autodeterminazione delle comunità; della produzione di ricchezza attraverso l’esaltazione dei valori territoriali (ambiente fisico, sociale, culturale e produttivo); della qualità ambientale attraverso il raggiungimento di equilibri ecosistemici puntuali.

4Il nuovo paradigma si fonda quindi sull’incrocio tra il riconoscimento dei luoghi e dei valori territoriali storicamente consolidati e quelle energie sociali, culturali, tecniche che possono trasformare in settore innovativo la storia; in nuove forme di sviluppo la salvaguardia; in nuovi campi di produzione il “processo di qualità”.

5Ma un’effettiva innovazione sociale dei paesi mediterranei può passare solo da un’azione di consapevolezza che rifiuti qualsiasi forma di colonialismo culturale e si fondi, con l’ausilio di una rete fitta e condivisa di istituzioni, sull’incremento cosciente delle relazioni; sul rispetto del patrimonio culturale; sull’eredità di una storia millenaria; sul recupero e sulla salvaguardia delle identità e delle tradizioni locali.

6Uno sviluppo ambientale culturalmente sostenibile - in questa accezione - è la direzione fondamentale anche per ritrovare una stabilità politica planetaria. Gli scontri fra civiltà e religioni rappresentano la più grave minaccia per la pace mondiale. Costruire un ordine internazionale basato sulla rinnovata convivenza delle civiltà, nel rispetto reciproco e nella mutua interdipendenza è la migliore protezione dal pericolo incombente di una tragica fine.

7Ma il Mediterraneo esiste davvero come entità autonoma e geograficamente descrivibile? O come qualcuno sostiene esso è soltanto :

  • 1 Edgar Pisani, prefazione a : R. Bistolfi (a cura di), Euro-Méditerranée. Une région à construire, P (...)

“un mare costituito dall’alleanza di tre continenti, ciascuno con una funzione specifica, del quale sarebbe pericoloso programmare l’aggregazione economica e politica, ignorando le molte e diverse realtà che circondano il mare comune”1?

8A questa domanda si potrebbe rispondere che il Mediterraneo se non esiste geograficamente, esiste come spazio virtuale di scambi e relazioni, inventato dalle civiltà che lo popolano e lo hanno sempre popolato; per sottolineare la centralità attribuitagli da millenni di storia comune, di storia di forti coesioni. E se è vero che gli uomini creano i loro luoghi fisici sulla base di esigenze non solo fisiche, il Mediterraneo si può allora considerare assolutamente luogo fisico, alla stregua di tanti altri luoghi fisici.

9Proprio a questo proposito alcuni autori hanno riproposto il Mediterraneo come problema di appartenenza, da riscoprire e rigenerare, da ricomporre sulle tracce di quanto si è andato smarrendo nel tempo della nostra cultura e identità.

10Né d’altra parte, per rifarci ad un esempio oggi considerato dato di fatto, fino a pochi decenni fa si sarebbe potuta immaginare un’ ”Europa” unita, come un’unica entità politica e geografica, intesa come luogo reale e fisicamente circoscrivibile.

11Per dirla con le parole di Massimo Cacciari:

  • 2 Massimo Cacciari, Geofilosofia dell’Europa, Adelphi, Milano, 1994.

La forma del giudizio, come forma caratteristica del pensiero europeo, riflette perfettamente quella krisis, che fa ek-sistere l’Europa decidendola dall’astratta, immediata unità dell’impero asiatico. Ma questa stessa decisione non può che costituire l’Europa come parte. Sta nella natura dell’Europa il sapersi come parte soltanto. E dunque mai la sua forma potrà arrogarsi il potere di valere come il tutto; mai la sua manifesta armonia potrà ergersi ad Armonia, identificarsi con Dike, con quella universale Giustizia per cui anche Europa e Asia provengono dallo stesso e nello stesso si risolveranno. (M. Cacciari, 1994)2

  • 3 P. Perulli (a cura) Globale/locale. Il contributo delle scienze sociali, franco Angeli, Milano, 199 (...)

12Direi che al contrario nell’area mediterranea questa identità è particolarmente evidente e le migrazioni continue e sempre più consistenti hanno contribuito e contribuiscono non poco a sottolinearne i già marcati contorni (P. Perulli, 1993; L. Bellicini, 1997)3.

Esiste una città che possa definirsi Mediterranea?

13Ma nello stesso tempo: è possibile immaginare in astratto una città senza ritornare come parametro alla città del Mediterraneo?

14Il paradigma della città mediterranea è a tal punto impresso nella nostra memoria che qualsiasi degrado dovesse subire, non basterebbe a cancellarla e nemmeno a renderla sgradevole.

  • 4 Pedrag Matvejevic’, Città mediterranee fra ieri e oggi, sta in : A. Bianchi (a cura di), Le città d (...)

Ogni città, in una sua misura, vive dei propri ricordi. Le città mediterranee, probabilmente, più delle altre. In esse, il passato sempre fa concorrenza al presente. Il futuro si propone più a immagine del primo che del secondo. Su tutto il perimetro del "Mare Interno", la rappresentazione della realtà si confonde facilmente con la realtà stessa. (P. Matvejevic’, 1998)4

15Il discorso sulla città mediterranea si sviluppa prevalentemente in termini di storia e di geografia, di architettura e di urbanistica, senza però esaurirvisi. Si nutre di evocazioni di diverso tipo, di reminiscenze, di approssimazioni. I modi di approcciare e quelli di raccontare non pervengono obbligatoriamente a legarsi o ad unirsi.

16Le città mediterranee proseguono nella loro evoluzione perdendo o ritrovando unità o coerenza nel passato o nel presente. Il loro splendore e, in modo altrettanto evidente, le loro eclissi ne portano le cicatrici.

17Oggi esse convivono con numerosi problemi, comuni con le città continentali distanti dalle coste. Si tratta di questioni di conservazione e di gestione; di esiguità di spazio o di estensione eccessiva; di pianificazione del territorio e di salvaguardia ambientale; di costruzioni abusive o rigidamente normate; di immigrazione o di rigetto; di comunicazione tra i cittadini, tra “vecchi abitanti” e “nuovi venuti”; di mutati diritti della città e del cittadino.

18Alcuni di questi problemi, che dipendono da un ordine di cose più generale, si presentano in tutta l'area mediterranea, anche se di volta in volta in maniera specifica e con caratteri singolari.

19Le città più antiche del Mediterraneo sono caratterizzate da una stratificazione complessa: una certa verticalità piuttosto difficile da proteggere e da gestire. In esse le connessioni fra uno o più centri storici e il sistema di relazioni tradizionali consolidate, si combinano con nuove relazioni e nuove parti di città, spesso povere di una “struttura” certa. Quanto all'orizzontalità urbana, essa rischia di perdere le proprie caratteristiche a forza di estendersi ed uniformarsi a caratteri universali.

20In questo modo, un’identità dell' “essere” (architettura, costume, linguaggio) non riesce più a incontrare un’identità del “fare” adeguata ed indispensabile.

  • 5 Pedrag Matvejevic’, op.cit., 1998.

21Peraltro in questo gioco di forme e contenuti la città si rifugia spesso nella sua memoria (P. Matvejevic’, 1998)5.

22Da qualsiasi punto di vista si guardi, non si troveranno facilmente nel Mediterraneo modelli urbani allo stato puro.

23“Sono gli uomini che costituiscono le città e non i muri soltanto o le navi senza passeggeri”, ricordava Tucidide, agli albori della storia.

24Uomini questi di cui parla Tucidide, che si sono mescolati nel corso dei millenni e che nessuna epurazione etnica riuscirebbe più a separare compiutamente, gli uni dagli altri.

La città mediterranea come modello sociologico

Secondo il noto modello di Schnore, la città del capitalismo periferico è città “anti-burgessiana”. Vi si realizza uno schema morfologico inverso a quello descritto ne la città: concentrazione della residenza borghese nel centro ed espulsione alla periferia degli strati marginali, inclusi i poverissimi, secondo una distribuzione spaziale degli strati sociali vicina a quella della città pre-industriale concentrica descritta da Sjoberg, che denuncia una netta convergenza tra tassi di densità, rendita e costi dell'alloggio e livello medio di reddito dei residenti.

Nel caso della città mediterranea, sottolineano altri studiosi, lo schema morfologico anti-burgessiano si associa tuttavia a una maggiore promiscuità tra attività e gruppi sociali. in particolare nelle fasce medio-inferiori della popolazione. La distribuzione della residenza operaia (all’eccezione della residenza dei sottoproletari dall'estremo disagio abitativo) segue con relativa fede1tà la localizzazione delle industrie, si colloca molto spesso in aree socialmente miste nelle quali la piccola borghesia è ben presente: la città mediterranea ideal-tipica conosce lo slum, anche di grande dimensione; ma non conosce il quartiere operaio ereditato dalla rivoluzione industriale delle città del nord Europa. Se vi è segregazione sociale spaziale essa corrisponde soprattutto a una “secessione” volontaria delle classi più agiate. La promiscuità sociale è consolidata dalla persistenza di forme di differenziazione residenziale alternative a quella del vicinato: la differenziazione verticale del palazzo del centro o della periferia ottocentesca, la distinzione tra facciata e retro, l'affollamento differenziato degli stessi appartamenti… Le stesse attività economiche risultano spesso geograficamente intrecciate con la residenza secondo uno schema nel quale lo zoning, per le carenze (legate alla struttura stessa del capitale) nella produzione di piani e quelle dell'attività edilizia prima che per cultura progettuale, non riesce a concretarsi. Ne derivano, secondo il modello, uno stile di vita urbano specifico, con ridotti pendolarismi per tutte e classi sociali, e tempi diversi con lo spezzettamento della giornata lavorativa con un lungo intervallo pranzo.

Parlando sociologicamente di “citta mediterranea”, in breve, si ritrae una metropoli dalla crescita veloce e detta spontanea, socialmente promiscua, poco segmentata, nella quale il centro è tuttavia luogo incontrastato dell'accumulo delle risorse e polo di attrazione per la residenza agiata. Non vi è dubbio che questo tipo di morfologia urbana vada associato alla predominanza di tipologie edilizie verticali e alla quasi totale assenza, nella grande città mediterranea, dell'abitazione monofamiliare, che modella invece così rigidamente il paesaggio urbano di tanti paesi del Nord Europa. Alcuni studi della fine degli anni settanta denunciavano però lo sviluppo di forti tensioni all'interno del modello, proprio in conseguenza dell'aumento delle densità urbane mediterranee. Le condizioni di vita delle classi medie, ormai difficili, per rumore, assenza di servizi, ecc., avrebbero alimentato la tendenza alla fuga, o alla costruzione di ambienti di vita differenti, in rottura col modello anti-burgessiano.

  • 6 Annick Magnier, La metamorfosi della città mediterranea, sta in : Bollettino del Dipartimento di Ur (...)

Gli sviluppi nuovi della localizzazione delle attività e delle residenze hanno davvero mutato la struttura ecologica della grande città del Mediterraneo? La città del nord e la città del sud del continente si distinguono ancora secondo questi schemi ormai classici; oppure il processo di mondializzazione le trasforma in meri tasselli in un mondo metropolitano uniforme e meglio descritto da modelli come quello della città globale, socialmente polarizzata e segmentata? (A. Magnier, 1997)6

Siamo assistendo ad una rinascita di centralità del Mediterraneo?

25La prima grande svolta a livello di politiche per e verso il Mediterraneo, si ha nel 1995 con la Conferenza di Barcellona, dove per la prima volta si parla apertamente di Partenariato Euro-Mediterraneo, introducendo ufficialmente l’entità geo-politica “Mediterraneo”.

26Questa attuale concezione del Mediterraneo come entità unitaria, ha le sue origini attorno al 1989, momento in cui si considera finita la guerra fredda e le realtà politiche Euro-asiatiche timidamente rivendicano il loro diritto all’indipendenza ed all’autonomia dagli Stati Uniti.

  • 7 A questo proposito si vedano : B. Amoroso, G. Paba, M. Vigorelli, op. cit.

27Un po’ tardi forse, nei confronti di una leadership internazionale consolidata, composta da Stati Uniti, Gran Bretagna e Giappone (la Triade delle capitali del mondo: New-York, London, Tokyo)7 e di una globalizzazione capitalistica ormai affermata. Quindi con poca, o nulla, autonomia rispetto agli interessi già costituiti.

28Comunque le esigenze di disegnare confini diversi per una Europa allargatasi con il crollo del muro di Berlino, portò alcuni paesi (Italia, Francia e Spagna in testa) ad adottare politiche estere audaci in questa direzione. Tali politiche, fortemente osteggiate soprattutto dall’ex alleato d’oltreoceano, ebbero fine quando alcune condizioni contingenti esterne fecero naufragare quei disegni politici. La Francia destabilizzata da una forte crisi finanziaria si rivolse verso la Germania, dimenticando il Mediterraneo. Mentre Italia e Spagna venivano demolite dalle ben note bufere giudiziarie che cancellarono, in brevissimo tempo, i quadri istituzionali di entrambi i paesi.

29Non è quindi paradossale che oggi l’interesse per il Mediterraneo stia rinascendo lontano dal centro dell’Europa Unita, anzi nelle sue aree periferiche.

30La causa che ha innescato questo processo è stata l’ombra di un imminente effetto devastante della globalizzazione economica sulle Regioni del sud dell’Europa e su quelle della costa sud del bacino mediterraneo e del vicino Medioriente.

  • 8 Bruno Amoroso, Europa e Mediterraneo. Le sfide del futuro, Dedalo, Bari, 2000.

31Queste nuove entità locali, sono alla ricerca di ruoli e strategie geopolitiche che riportino in primo piano il rapporto Mezzogiorno-Mediterraneo; non tanto per staccarsi dall’Europa ma, al contrario, per rientrarci con una proposta politica concreta e, soprattutto, con una visione politica diversa, più funzionale alle esigenze dei milioni di persone che vivono nello spazio Mediterraneo (B. Amoroso, 2000)8 e che non si riconoscono in politiche a-territoriali quali sono quelle generate da questa globalizzazione in atto.

32La “mondializzazione” forzata, distante anni luce dal modello che ha provato ad imitare è stata, probabilmente, la nebbia che ha offuscato le menti di coloro che in un certo momento, a New York e a Washington, si apprestavano a consumare un crimine efferato, nel folle convincimento che quella potesse essere la sola strada per una disperata difesa della propria identità.

  • 9 Alessandro Bianchi, Mediterraneo e città. Ovvero il perché di una ricerca, sta in : A. Bianchi (a c (...)

33Ma la trasformazione più consistente sta nel nuovo ruolo di centralità che si è determinato nel Mediterraneo, negli anni più recenti, invertendo una tendenza che sembrava aver fatto di questo mare chiuso un ambito residuale rispetto alle consolidate centralità mondiali. Negli ultimi anni si sono, infatti, creati i presupposti affinché il Mediterraneo si (ri-) costituisca come luogo di incontro di alcune realtà emergenti; i paesi del nord Africa e del vicino Oriente, i paesi dell’Europa dell’Est, i paesi dell’Europa meridionale (tra cui l’Italia), i paesi dell’Europa centrale e alcuni ripensamenti di quella settentrionale9.

Qual è il ruolo della cultura locale nello sviluppo?

  • 10 Si vedano : V. Gordon Childe, La preistoria della società europea, Sansoni, Firenze, 1979 ; Ljubov (...)

34Il fenomeno della globalizzazione, nel Mediterraneo, è storia molto antica; storia che si può fare risalire all’origine della nascita delle civiltà10, anzi forse possiamo affermare che la prima forma di “globalizzazione” sia nata proprio nel Mediterraneo. Quello che è cambiato è la sostanza interna delle cose.

35È cambiato che questa nuova forma di globalizzazione impone (in maniera, sempre forte, e in forma più o meno violenta) modelli propri, totalmente esterni ai luoghi di impianto, quando non assolutamente contrari a ideologie, culture, identità. È cambiato che tali “luoghi” siano resi indifferenti e non più strettamente funzionali alle attuali, innovative forme di produzione di beni e di valore. È cambiato che la velocità di “conquista” e di trasformazione è rapidissima e non lascia tempo a nessuno e a nessuna riflessione prima di concretarsi nell’azione.

36Nella storia del Mediterraneo grandi popoli hanno sottomesso politicamente ed economicamente altri popoli, mai però è venuto meno il rispetto per le culture, le tradizioni e le civiltà che si incontravano nei luoghi di nuova conquista.

37Questo atteggiamento da un lato permetteva il permanere delle culture più deboli, che ne venivano indirettamente protette. Dall’altro consentiva un arricchimento reciproco delle singole culture, come mai sarebbe potuto essere altrimenti, creando l’enorme ricchezza che oggi tutto il mondo invidia alle civiltà del Mediterraneo.

38Per questi motivi e per tanti altri legati al grande esempio fornito in termini di scambi e di relazioni fra i paesi, il Mediterraneo può e deve essere preso come archetipo della possibilità di una globalizzazione, economica e culturale, equilibrata e perciò duratura.

39Una globalizzazione che tenda a trasferire nel mondo capitali finanziari e risorse intellettive (brain-economy); ma nello stesso tempo utilizzi (non cancelli) nei suoi necessari “contatti” col territorio fisico, le risorse reali dei luoghi e delle culture. Nel segno dello scambio e dell’integrazione, piuttosto che in quello della sostituzione o della manipolazione.

40Considerando anche che alla base di queste ataviche relazioni e scambi, a cui abbiamo fatto cenno prima, vi sono delle ragioni profonde che hanno reso e rendono ancora oggi, pur con tutte le guerre ed i conflitti in corso, i popoli del Mediterraneo amici fraterni e solidali.

Considerazioni conclusive?

  • 11 M. Castells, End of millenium, Blakwell, Massachusetts-Oxford 1998 ; M. Castells, The rise of the n (...)

41Un tale scenario, che vede l’attuale scontro delle civiltà come condizione estremamente disequilibrante dell’ordine mondiale, ci obbliga a perseguire sempre nuove strade per esplorare le possibilità di ritrovare alcuni dei valori comuni e condivisibili. Valori che possano essere alla base di una sorta di “civiltà delle differenze” (M. Castells, 1996, 1998)11.

42In questo senso le nuove tecnologie telematiche, se adoperate nel giusto modo, possono consentirci (e lo stanno già facendo) di amplificare le relazioni e gli scambi fra questi mondi differenti. E quindi possono aiutarci nella reciproca accettazione e salvaguardia, in accordo a quanto stabilito nella citata Conferenza di Barcellona.

  • 12 Jeremy Rifkin, op.cit., 2001.

43I giovani si trovano perfettamente a loro agio nel gestire attività e intrattenere rapporti sociali nell’universo del commercio elettronico e del ciberspazio, e si adattano senza difficoltà alla moltitudine di realtà simulate che compongono l’economia culturale. Il loro è un mondo più teatrale che ideologico, più orientato all’ethos del gioco che all’ethos del lavoro: l’accesso è già un modo di vivere e, benché la proprietà possieda ancora una sua rilevanza, essere connessi è per loro più importante. Gli uomini del ventunesimo secolo probabilmente percepiranno se stessi come nodi integrati in una rete di interessi condivisi, così come oggi si percepiscono agenti autonomi in un mondo darwiniano di competizione per la sopravvivenza. Per loro la libertà personale avrà poco a che fare con il diritto di possedere e di escludere gli altri dal possesso, e molto con il diritto di essere inclusi in una rete di relazioni. Saranno la prima generazione dell’era dell’accesso. (J. Rifkin, 2001)12

44Il mantenimento della pace in un mondo di civiltà contrapposte risiede nella “regola delle comunanze”: i popoli di tutte le civiltà dovrebbero cercare di ritrasmettere i valori, le istituzioni e le usanze condivise da popoli di altre civiltà.

45Per potere confrontarsi senza antagonismi devastanti, le civiltà dovranno (ri-) imparare a convivere di un pacifico interscambio, imparando le une dalle altre, studiando la storia, gli ideali, l’arte e la cultura delle altre civiltà, arricchendosi reciprocamente.

46Dovranno comprendere quanto importante sia accettare che non tutti possiamo muoverci, comportarci, mangiare, abitare, nello stesso modo. Dovranno ancora comprendere che è solo dal confronto fra le differenze che nascono le vere, profonde crescite.

  • 13 Serge Latouche, L’occidentalizzazione del mondo. Saggio sul significato, la portata e i limiti dell (...)

47La ricerca paziente delle trame che emergono dai modelli “ereditati”, propri a ciascuna cultura, e delle quali le città storiche sono la testimonianza più viva, è la risposta possibile nella direzione di una convivenza pacifica fra popoli (S. Latouche, 1992)13.

Haut de page

Notes

1 Edgar Pisani, prefazione a : R. Bistolfi (a cura di), Euro-Méditerranée. Une région à construire, Publisud, Château-Gontier, 1995.

2 Massimo Cacciari, Geofilosofia dell’Europa, Adelphi, Milano, 1994.

3 P. Perulli (a cura) Globale/locale. Il contributo delle scienze sociali, franco Angeli, Milano, 1993 ; L. Bellicini (a cura), Mediterraneo, mediterranei : semiperiferia e centralità, in Urbanisticia, N°108, Roma, 1997.

4 Pedrag Matvejevic’, Città mediterranee fra ieri e oggi, sta in : A. Bianchi (a cura di), Le città del Mediterraneo. Atti del Forum Internazionale di Reggio Calabria, 3-4-5 giugno 1998.

5 Pedrag Matvejevic’, op.cit., 1998.

6 Annick Magnier, La metamorfosi della città mediterranea, sta in : Bollettino del Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio, Università di Firenze, 1997.

7 A questo proposito si vedano : B. Amoroso, G. Paba, M. Vigorelli, op. cit.

8 Bruno Amoroso, Europa e Mediterraneo. Le sfide del futuro, Dedalo, Bari, 2000.

9 Alessandro Bianchi, Mediterraneo e città. Ovvero il perché di una ricerca, sta in : A. Bianchi (a cura di), Le città del Mediterraneo. Atti del Forum Internazionale di Reggio Calabra, 3-4-5 giugno 1998.

10 Si vedano : V. Gordon Childe, La preistoria della società europea, Sansoni, Firenze, 1979 ; Ljubov Kotel’nikova, Città e campagna nel Medioevo italiano. Modo contadino e ceti urbani dal V al XV secolo, Editori Riuniti, Roma, 1986 ; F. Giunta, U. Rizzitano, Terra senza crociati, Flaccovio Editore, Palermo, 1967.

11 M. Castells, End of millenium, Blakwell, Massachusetts-Oxford 1998 ; M. Castells, The rise of the network society, Blakwell, Massachusetts-Oxford 1996.

12 Jeremy Rifkin, op.cit., 2001.

13 Serge Latouche, L’occidentalizzazione del mondo. Saggio sul significato, la portata e i limiti dell’uniformazione planetaria, Bollati Boringhieri, Torino, 1992.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fabio Naselli, « Il ruolo del Mediterraneo nello sviluppo locale : appunti verso uno sviluppo equilibrante », Babel, 7 | 2003, 316-327.

Référence électronique

Fabio Naselli, « Il ruolo del Mediterraneo nello sviluppo locale : appunti verso uno sviluppo equilibrante », Babel [En ligne], 7 | 2003, mis en ligne le 18 septembre 2012, consulté le 24 juillet 2017. URL : http://babel.revues.org/1425 ; DOI : 10.4000/babel.1425

Haut de page

Auteur

Fabio Naselli

Université de Palerme

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Babel. Littératures plurielles est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Laboratoire Babel
  • Logo Université de Toulon
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Les cahiers de Revues.org